sabato 24 settembre 2016

I-Companion Moulinex

I-Companion Moulinex
Stavolta sono riuscita a diventare tester di questo robot da cucina. Chiamarlo robot è un po' riduttivo. E' a tutti gli effetti uno dei principali competitor del famigerato Bimby.
In pratica ho avuto a disposizione il Companion per 1 mese (tra un po' è tempo di decidere se tenerlo o restituirlo!) e tra il 17 e il 18 settembre dovevo organizzare un party con alcuni invitati. Una dimostrazione del robot, in pratica, ma soprattutto una scusa per riunire un po' di amici. Quando è arrivato il robot ho avuto circa una settimana per sperimentare il funzionamento e capire dove mettere le mani. Ci sono voluti 2 secondi invece per collegare il telefono all'i-Companion. Già, perché questo Companion ha la "i" davanti. L'apparecchio è bluetooth e si collega con lo smartphone. Tu scegli la ricetta dall'app che hai sul telefonino e il telefonino stesso dà gli ordini al Companion! Insomma, in una settimana ho cucinato: pollo al curry, tacchino, agnello, risotto, vellutata di carote (da leccarsi i baffi), qualche preparato per la pasta di mio figlio, purè, polenta, pane integrale, pizza. Ho cucinato ogni pranzo e ogni cena con il companion, scordandomi quasi il piano cottura. Poi la sera della festa ho preparato tutto in un giorno solo, senza fatica e senza stress. E il risultato è stato ottimo.
Empanadas di peperoni, zucchine e tonno Risotto con zucca, provola affumicata e amaretti (il preparato solamente, il risotto per 15 persone dentro non ci poteva entrare, nonostante la capienza del recipiente) Crocchette di pollo all'avena Torta salata con pomodori secchi e feta (bisogna aggiustare le dosi perchè i pomodorini erano predominanti) Broccoli gratinati con pecorino Pane di tumminia Brownies alle noci





I miei ospiti hanno spazzolato via tutto con gusto! Ogni ricetta era presente nella app dell'apparecchio, tranne quella del risotto alla zucca che è praticamente una mia creazione (di sicuro da qualche parte l'ho letta, anni fa, ma poi con mio marito l'abbiamo elaborata con eccellenti risultati). Dopo il party per la famiglia è iniziata la dieta. Quindi banditi i fritti e i soffritti, paste, risotti e dolci, pensavo che non lo avrei più utilizzato e invece... continuo a usarlo per preparare ogni tipo di verdura, secondo e contorno senza troppi grassi. In dotazione c'è anche il cestello per la cottura al vapore. Ho avuto modo di fare confronti col Bimby. Perché alla fine è questo quello che conta. Cosa è meglio? Boh, dipende da ciascuno di noi. Da preferenze, da abitudini, da credenze popolari, e soprattutto dalla disponibilità economica.
I-Companion *costa circa 900€ *il recipiente è 4,5l *coperchio in 2 pezzi a incastro in plastica rigida *2 maniglie *rumore zero *ricette infinite *utilizzo tramite app
Bimby *costa circa 1200€ *bilancia integrata *coperchio pezzo unico in materiale plastico più morbido *1 manico *unica lama *ricette infinite *stick ricette da 30€ ciascuno *1 manico
Qualunque cosa io decida di fare (tenerlo o restituirlo) è stata una esperienza interessante. Sono contenta di averlo provato e di avere conosciuto e apprezzato le capacità. Ho scoperto un mondo nuovo che mi mancava. Sono cresciuta nel mito del Bimby, pensando sempre che un robot del genere è inutile per le persone a cui piace cucinare. E invece mi sbagliavo. E' un prezioso alleato per le persone che amano pastrocchiare e creare in cucina. Un ottimo aiutante per preparare omogeneizzati per i bambini e che non si riduce a cuocipappa (io sono contro i cuocipappa, perché hanno vita breve: i bimbi prima o poi crescono!).
Metto alcune foto dei piatti che ho preparato in questi giorni e della festa di giorno 17.
Se siete propensi a fare un investimento per un apparecchio multifunzione di questo tipo, valutatelo seriamente. Ne vale la pena!

I-Companion Moulinex

I-Companion Moulinex
Stavolta sono riuscita a diventare tester di questo robot da cucina. Chiamarlo robot è un po' riduttivo. E' a tutti gli effetti uno dei principali competitor del famigerato Bimby.
In pratica ho avuto a disposizione il Companion per 1 mese (tra un po' è tempo di decidere se tenerlo o restituirlo!) e tra il 17 e il 18 settembre dovevo organizzare un party con alcuni invitati. Una dimostrazione del robot, in pratica, ma soprattutto una scusa per riunire un po' di amici. Quando è arrivato il robot ho avuto circa una settimana per sperimentare il funzionamento e capire dove mettere le mani. Ci sono voluti 2 secondi invece per collegare il telefono all'i-Companion. Già, perché questo Companion ha la "i" davanti. L'apparecchio è bluetooth e si collega con lo smartphone. Tu scegli la ricetta dall'app che hai sul telefonino e il telefonino stesso dà gli ordini al Companion! Insomma, in una settimana ho cucinato: pollo al curry, tacchino, agnello, risotto, vellutata di carote (da leccarsi i baffi), qualche preparato per la pasta di mio figlio, purè, polenta, pane integrale, pizza. Ho cucinato ogni pranzo e ogni cena con il companion, scordandomi quasi il piano cottura. Poi la sera della festa ho preparato tutto in un giorno solo, senza fatica e senza stress. E il risultato è stato ottimo.
Empanadas di peperoni, zucchine e tonno Risotto con zucca, provola affumicata e amaretti (il preparato solamente, il risotto per 15 persone dentro non ci poteva entrare, nonostante la capienza del recipiente) Crocchette di pollo all'avena Torta salata con pomodori secchi e feta (bisogna aggiustare le dosi perchè i pomodorini erano predominanti) Broccoli gratinati con pecorino Pane di tumminia Brownies alle noci





I miei ospiti hanno spazzolato via tutto con gusto! Ogni ricetta era presente nella app dell'apparecchio, tranne quella del risotto alla zucca che è praticamente una mia creazione (di sicuro da qualche parte l'ho letta, anni fa, ma poi con mio marito l'abbiamo elaborata con eccellenti risultati). Dopo il party per la famiglia è iniziata la dieta. Quindi banditi i fritti e i soffritti, paste, risotti e dolci, pensavo che non lo avrei più utilizzato e invece... continuo a usarlo per preparare ogni tipo di verdura, secondo e contorno senza troppi grassi. In dotazione c'è anche il cestello per la cottura al vapore. Ho avuto modo di fare confronti col Bimby. Perché alla fine è questo quello che conta. Cosa è meglio? Boh, dipende da ciascuno di noi. Da preferenze, da abitudini, da credenze popolari, e soprattutto dalla disponibilità economica.
I-Companion *costa circa 900€ *il recipiente è 4,5l *coperchio in 2 pezzi a incastro in plastica rigida *2 maniglie *rumore zero *ricette infinite *utilizzo tramite app
Bimby *costa circa 1200€ *bilancia integrata *coperchio pezzo unico in materiale plastico più morbido *1 manico *unica lama *ricette infinite *stick ricette da 30€ ciascuno *1 manico
Qualunque cosa io decida di fare (tenerlo o restituirlo) è stata una esperienza interessante. Sono contenta di averlo provato e di avere conosciuto e apprezzato le capacità. Ho scoperto un mondo nuovo che mi mancava. Sono cresciuta nel mito del Bimby, pensando sempre che un robot del genere è inutile per le persone a cui piace cucinare. E invece mi sbagliavo. E' un prezioso alleato per le persone che amano pastrocchiare e creare in cucina. Un ottimo aiutante per preparare omogeneizzati per i bambini e che non si riduce a cuocipappa (io sono contro i cuocipappa, perché hanno vita breve: i bimbi prima o poi crescono!).
Metto alcune foto dei piatti che ho preparato in questi giorni e della festa di giorno 17.
Se siete propensi a fare un investimento per un apparecchio multifunzione di questo tipo, valutatelo seriamente. Ne vale la pena!

venerdì 12 agosto 2016

Pannolini e ancora pannolini

Qui si va avanti a pannolini. 
Ha 20 mesi il cucciolo, e per lui che parla poco non è ancora il momento di procedere con lo spannolinamento. Quindi continuiamo il nostro viaggio con le sperimentazioni. 
Stavolta tocca ai Flufsan Baby, pannolini italiani, presi al nuovo negozio Asciuttissimi che ha aperto nella mia città.
A prima vista esteticamente sono molto molto simili ai Lallobaby. 

A seconda vista (confronto fisico) sono simili ai Pillo Premium, solo un po' più cicciottelli ed esternamente sono più lisci da sembrare plasticosi. Internamente si sentono di più i grani igroscopici.

Il costo del pacco da 18 (taglia 4, ebbene sì, pesa 10 kg appena) è 3,90€, quindi il singolo costa 0,22€.
Se si compra il pacco scorta da 108 pannolini, il singolo arriva a costare 0,19€.


Per ora siamo solo al secondo giorno.
Faccio qualche altra ricerca e vi so dire di più.


Intanto potete rileggere il post sui pannolini scritto un anno fa circa I pannolini sono tutti uguali.

giovedì 26 maggio 2016

Lo scotch indispensabile: Power Tape a portata di mano

Man mano che i bambini crescono, questo rotolo della Pattex sarà indispensabile!
Riparerà tutto, dalla plastica alla carta.
E' indistruttibile e regalerà nuova vita ai libri martoriati o a giocattoli fatti a pezzi (per quanto possibile).
Fate questo investimento e non ve ne pentirete!!!
Power tape Pattex, ripara tutto. Ok, molto!

Libro sensoriale degli animali in fase di riparazione


Particolare della riparazione


Questo è il suo libro preferito che lui aveva ridotto a brandelli con tanto tanto amore, rimesso in sesto con alcuni pezzetti di questo nastro telato molto resistente.
Grazie Pattex (che mi regali?!)

mercoledì 13 aprile 2016

Dentino Clementoni - operazione a cuore aperto

A Natale la nonna ha regalato  a Giacomo il dinosauro Dentino di Clementoni. Adatto a partire dai 12 e fino ai 36 mesi.
Carino! Si muove, gira su se stesso, corre, canta le filastrocche coi numeri e le lettere (1, 2, 3 e A, B, C) e le canzoncine con la scimmietta, il coccodrillo e l'orso.
Dentino e l'osso sonaglino

Ci ho messo 4 mesi a capire cosa dice la canzoncina della scimmietta ("da un ramo all'altro felice saltella: è la scimmietta con la sua banana gialla"), ma non sono io l'utente finale, a mio figlio importa la musicalità, il ritmo, la rima.
Bene. Sarà robustissimo ho pensato.
E in effetti ha subito diversi attentati. E' caduto dal tavolo, lanciato dal box, spinto contro il muro, preso a cucchiaiate di legno, pestato, sbatacchiato contro il pavimento. Ed è ancora intero!
Poi, dopo appena 2 mesi di utilizzo (1 mese lo abbiamo lasciato in stand by perché Giacomo aveva paura quando questo coso verde iniziava a muoversi) il dinosauro birichino ha iniziato a incantarsi. Quando era in movimento ripeteva senza interruzione sempre e solo "Mi presento sono Dentino, dinosauro birichino" grrrr... "Mi presento sono Dentino, dinosauro birichino"...
Così ho scritto all'assistenza per sapere se era rotto o.
La risposta è stata "o": ha provato a cambiare le pile?
Ehm... effettivamente no.
Problema risolto! Dentino cantava tutta la filastrocca continuando il suo percorso senza sosta.
Perché nel frattempo a mio figlio ha iniziato a piacere e a farsi tante risate a vederlo sbattere contro le sedie e gli altri suoi giochi sparsi in giro.
Due settimane fa l'apocalisse: Dentino non si muove più.
E' fermo, immobile. Canta, canta tutto, non mostra segni di cedimento, ma le ruote sono bloccate, paralizzate e non desta interesse, non vale neanche la pena starlo a sentire se non lo si vede dare craniate contro il muro.
Cambiamo le pile, dai, non si sa mai che i nuovi sintomi dipendano da appena quattro pile nuove.
Niente. Ahimé è ancora un pezzo di legno.
Non ci resta che... aprirlo.

Che sarà mai, diranno i miei amici lettori.
'Tacci tua rispondo io dopo aver svitato qualcosa come 20 viti a croce a partire dalle zampe, passando per la coda fino ad arrivare al collo e poi BEN 6 viti nella testa. Perché è tutto concatenato, e non c'è altro modo.
Eccolo qui, il dinosauro, smontato, completamente aperto sul tavolo operatorio.
Dentino durante l'operazione a cuore aperto

E a una prima occhiata il problema è... una saldatura dissaldata. Ah be' hai detto niente!
La fortuna mi assiste perché ho un marito appassionato di bricolage. L'unico attrezzo che gli manca, ovviamente è un saldatore e dello stagno.
Facciamo così: a prossimo giro da BricoX ne prendiamo uno economico.
Caso vuole che il giorno dopo mi ritrovi dai cinesi per comprare delle buste e mi imbatta in un supeleconomico saldatole da 6€ e decido di regalarlo al papino tuttofare.
Ci applichiamo insieme e ne veniamo a capo. 
Evviva: Dentino cammina e parla di nuovo!!!
Ora rimonta tutte le viti, dai.
Aspetta, prima di chiudere la testa vediamo se va ancora.
No, non si muove più.
Arismontalo.
E' saltata un'altra saldatura :-(
Ora va di nuovo.
Arimontalo.
Arriviamo a chiudere la testa e... una microsaldatura individuabile solo da un microscopio è sganciata e non funziona la cresta ABC.
Mentre io mi dispero, il papà riesce a incastrare il filo nel forellino e saldarlo, nonostante la sua ipermetropia.
Ok, ci siamo. E' la prova del nove.
...
...
...
Mi presento sono Dentino frrrrrrrrrr (piroetta)
dinosauro birichino svishhhhhhhhhh (fila dritto)
prova a prendermi io prendo te...

Giubilo, festa grande, allegria: ricomincia la corsa!

Quindi, il mio parere riguardo a questo giocattolo adatto a bambini da 1 anno in su è:
Ottimo! Plastica super rigida ma super resistente
Ottimo! Servizio assistenza solerte
Ottimo! Ma caspita, 4 pile per volta che durano 2 settimane sono un po' tante
Buono! Da rivedere le saldature, perché non siamo tutti MacGiver, mentre i nostri figli sono tutti Attila.
Ah, il sonaglino è un gioco a sè: mai usato per far muovere Dentino!
4 stelle e mezzo su 5.
Promosso

venerdì 11 marzo 2016

Passeggini da viaggio. La mia opinione sul Pali Tre.9

Ehm... la vita da mamma è più complicata di quanto possa sembrare alle non mamme!
Diciamo che crescendo gli occhi devono diventare 180 e spesso non bastano neanche quelli.
Ed è così che il tempo da dedicare alle "amenità" diminuisce.
Ma bando alle ciance, dovevo parlarvi della mia esperienza coi passeggini ultraleggeri.
Partiamo!

C'è un sito che permette di confrontare i passeggini in commercio e di valutare dimensioni, peso, prezzo e tutto ciò che può servire prima di acquistarne uno: cercapasseggini.it.
Diciamo subito, per chi ancora non fosse ben dentro la questione bimbi, che il trio ha sì il passeggino, ma che di suo, di qualunque marca sia, leggero leggero proprio non è. Oltretutto spesso è pure molto largo. Il mio (Hauck Malibu) non entra dentro il cofano della 500, né in quello della Yaris. Non entra nell'ascensore con doppia apertura (anni '50 presumo) del palazzo dove lavoro (quando riesco ad andare a lavorare!). Non si può aprire o chiudere con una sola mano (ovvero tenendo in braccio un bambino). E, benché sia un trio tra i più leggeri, pesa sempre 10kg.
Così urgeva passaggio a passeggino compatto e leggero.
Dopo qualche confronto tra amiche e giri per testare con mano, abbiamo optato per il Pali tre.9, nuovo modello della Pali, che pesa appunto 3,9kg.
Fonte www.cercapasseggini.it

Non è economico, costava già 130€ a giugno 2015 (ci hanno detto che era il prezzo di lancio), mentre adesso è arrivato a 150€. 
Comprende la barra di protezione frontale, la cappottina, la rete portaoggetti sotto la seduta, la cerata parapioggia. E' completamente sfoderabile per essere lavato in lavatrice. Il coprigambe è optional (e noi non lo abbiamo comprato, e direi per fortuna, visto che in Sicilia quest'anno inverno non ne abbiamo avuto). Maniglione unico, freno a pedale, cinture di sicurezza a 3 o 5 punti, completamente reclinabile con sistema a nastro, di cui parlerò più avanti. Solo fronte strada.
Lo usiamo da giugno e non ci siamo pentiti!
Ha viaggiato con noi quest'estate, facendosi circa 20km al giorno per le strade di Madrid, che non hanno nulla da invidiare a quelle di Roma in quanto a marciapiedi sconnessi e sampietrini. Ha preso sabbia, pioggia, fango, pappe, olio, biscotti, crackers, sampietrini, autobus, treni, metro, navi e aerei. In lavatrice ben 5 volte ed è praticamente PERFETTO!

relax
Attualmente, da quello che ho potuto vedere, hanno cambiato le ruote. 

Ruote del vecchio modello

Ruote del nuovo modello

Quelle del nostro modello sono vuote, coi raggi e abbastanza rigide (foto di sinistra), mentre quelle del nuovo modello sono piene e di plastica più morbida (foto di destra).

Ritorno al sistema a nastro per reclinarlo. Purtroppo è l'unico punto del passeggino che ci ha dato problemi. Una delle due fettucce dentro cui scorre il nastro che permette di reclinare lo schienale, si è scucita, sfilacciandosi, quindi non è riparabile. Diciamo che nasce già debole come sistema, visto che viene sollecitato (tirato) spesso, e poteva essere concepito in maniera più robusta. Guardando la scheda tecnica sul sito, pare sia stata anche modificata, perché prima non c'era una fettuccia, ma un cordino.
In ogni caso mi sono subito rivolta al negozio in cui è stato acquistato e la titolare mi ha fatto sapere che essendo in garanzia mi avrebbero sostituito la seduta. Adesso sono ancora in attesa della sostituzione.
Che posso dire? Aspetto la sostituzione prima di pronunciarmi sul servizio di assistenza ;-)

Ditemi i pro e i contro dei vostri passeggini ultraleggeri.


mercoledì 28 ottobre 2015

Vi piacerebbe un Gruppo d'Acquisto per prodotti per bambini? Pannolini buoni ed economici, scarpine per gattonare, bavaglini, portaciucci...
Più siamo meno costano.
Mini shopping G.A.C.
Prossimo G.A.: pannolini Pillo.
Ne ho parlato bene qui.
Costano poco e sono di ottima qualità.
Vi aspettiamo nel gruppo!
Invitate altre mamme e papà ;-)